Cookie Consent by Free Privacy Policy website Più chip: Bosch investirà nell'ampliamento della produzione di semiconduttori a Reutlingen - Oltre 250 milioni di euro per i nuovi impianti di produzione
febbraio 23, 2022 - Bosch

Più chip: Bosch investirà nell'ampliamento della produzione di semiconduttori a Reutlingen - Oltre 250 milioni di euro per i nuovi impianti di produzione

  • Il presidente di Bosch Stefan Hartung: "Questo investimento andrà a beneficio dei nostri clienti e aiuterà ad affrontare la crisi di approvvigionamento dei semiconduttori"
  • Il nuovo investimento si aggiunge ai 400 milioni di euro già stanziati per l'espansione della produzione globale di semiconduttori nel 2022
  • L'ampliamento è la risposta alla crescente domanda di semiconduttori Bosch e di sensori MEMS
  • Bosch sviluppa e produce semiconduttori da oltre 60 anni

Reutlingen, Germania - Per affrontare l'attuale carenza globale di chip, Bosch prevede di ampliare ulteriormente la propria fabbrica di wafer a Reutlingen. Oltre un quarto di miliardo di euro sarà investito nella creazione di nuovi spazi di produzione e clean-room da qui al 2025. Questa decisione aiuterà Bosch a soddisfare la domanda in continua crescita di chip utilizzati in applicazioni di mobilità e IoT. "Stiamo ulteriormente espandendo la nostra capacità di produzione di semiconduttori a Reutlingen", ha affermato Stefan Hartung, presidente del board of management di Bosch. "Questo nuovo investimento non solo rafforzerà la nostra posizione competitiva, ma andrà anche a beneficio dei nostri clienti e aiuterà ad affrontare la crisi di approvvigionamento dei semiconduttori." Il nuovo ampliamento a Reutlingen creerà altri 3.600 metri quadrati di spazio ultramoderno per le clean-room. A partire dal 2025 questa capacità aggiuntiva produrrà semiconduttori basati sulla tecnologia già presente nello stabilimento di Reutlingen. Bosch sta anche ampliando un impianto di energia e costruirà un edificio aggiuntivo per i sistemi di alimentazione che servono sia la nuova area di produzione sia quella esistente. La nuova area di produzione dovrebbe entrare in funzione nel 2025.

A ottobre dello scorso anno Bosch ha annunciato che avrebbe investito oltre 400 milioni di euro solo nel 2022 a Dresda e Reutlingen, in Germania, e a Penang, in Malesia. Circa 50 milioni di euro di questa cifra sono destinati alla fabbrica di wafer di Reutlingen. Inoltre, Bosch ha presentato piani di investimento, per un totale di 150 milioni di euro, nella creazione di ulteriori clean-room negli edifici esistenti, presso lo stabilimento di Reutlingen, nel periodo 2021/2023. Nel complesso, l’area per le clean-room a Reutlingen è destinata a crescere da circa 35.000 metri quadrati a oltre 44.000 metri quadrati entro la fine del 2025.           

Produzione di semiconduttori all'avanguardia
Le fabbriche di wafer di Reutlingen utilizzano la tecnologia da 150 e 200 millimetri, mentre lo stabilimento di Dresda produce chip su wafer da 300 millimetri. Entrambi impiegano metodi di produzione all'avanguardia basati sul data-driven process control. "I metodi di IA, combinati con la connettività, ci hanno aiutato a raggiungere un miglioramento continuo e guidato dai dati nella produzione a produrre chip sempre migliori", ha dichiarato Markus Heyn, membro del board of management di Bosch e presidente del settore Mobility Solutions. Questo include lo sviluppo di software per consentire la classificazione automatica dei difetti. Bosch sta anche utilizzando l'IA per migliorare i flussi dei materiali.

Crescente domanda di semiconduttori
Bosch sviluppa e produce semiconduttori da oltre 60 anni, di cui più di 50 a Reutlingen, sia per applicazioni automotive sia per il mercato dell'elettronica di consumo. I componenti dei semiconduttori prodotti da Bosch comprendono circuiti integrati specifici per le applicazioni (ASIC), sistemi microelettromeccanici (sensori MEMS) e semiconduttori di potenza. L'ulteriore espansione del sito di Reutlingen servirà principalmente la crescente domanda di MEMS nei settori automotive e consumer, nonché in futuro, i semiconduttori di potenza in carburo di silicio. "Bosch è già un produttore leader di chip per applicazioni automotive", ha sottolineato Heyn. "E questa è una posizione che intendiamo consolidare". Le misure per raggiungere questo obiettivo includono lo sviluppo e la produzione di chip in carburo di silicio che Bosch realizza da dicembre 2021.

I chip sono destinati a giocare un ruolo sempre più importante nell'elettromobilità. Bosch è attualmente l'unico fornitore automotive al mondo che produce semiconduttori di potenza in carburo di silicio. Nello stabilimento di Reutlingen lavorano attualmente circa 8.000 collaboratori impegnati nello sviluppo e produzione di semiconduttori e di centraline elettroniche, nonché nella divisione eBike Systems.

Ti potrebbe interessare anche

settembre 14, 2022
settembre 13, 2022
settembre 12, 2022

Comunicato Stampa disponibile solo in lingua originale. Bosch is accompanying the aftermarket and workshops safely and successfull...

Due veicoli dimostrativi stanno fornendo dati per l'ulteriore sviluppo di questo sistema di propulsione alternativoPer i test Bosc...

ESSDERC - ESSCIRC: dal 19 al 22 settembre il forum europeo dedicato ai dispositivi e ai circuiti a stato solido presso l’Universit...