Cookie Consent by Free Privacy Policy website Bosch raggruppa le attività di sviluppo relative al software per i veicoli nella consociata ETAS - L’obiettivo è conquistare una posizione di leadership nei sistemi operativi
dicembre 10, 2021 - Bosch

Bosch raggruppa le attività di sviluppo relative al software per i veicoli nella consociata ETAS - L’obiettivo è conquistare una posizione di leadership nei sistemi operativi

  • Stefan Hartung: "Lo sviluppo del software è una competenza chiave di Bosch da lungo tempo. Ogni anno installiamo oltre 200 milioni di centraline elettroniche con il nostro software nei veicoli di tutto il mondo"
  • Le attività di sviluppo per le auto e il cloud verranno raggruppate nella consociata ETAS GmbH
  • In futuro le soluzioni per i veicoli basati sul software dovranno essere rese disponibili ai produttori e agli altri fornitori in modo più rapido, sicuro ed efficiente

Stoccarda, Germania – Bosch compie ulteriori passi strategici verso una posizione di leadership nel futuro della mobilità, dominato dal software. In futuro, la società svilupperà e venderà il software base per i veicoli, il middleware e i servizi cloud, attraverso la consociata ETAS GmbH. A partire dalla metà del 2022 un totale di 2.300 esperti, provenienti dalle diverse aree di sviluppo di Bosch ed ETAS, confluiranno in una singola unità. "Lo sviluppo del software è una competenza chiave di Bosch da lungo tempo. Ogni anno installiamo oltre 200 milioni di centraline elettroniche con il nostro software nei veicoli di tutto il mondo. Con questa nuova organizzazione intendiamo diventare fornitori leader del software per i veicoli" ha dichiarato Stefan Hartung, Presidente del settore di business Mobility Solutions di Bosch.

Un anno fa Bosch ha creato la divisione Cross-Domain Computing Solutions con oltre 17.000 collaboratori dedicati ai sistemi software intensive. Oggi l'azienda riunisce il proprio portfolio di soluzioni software per veicoli e il cloud sotto ETAS. Verrà a crearsi quindi una piattaforma centralizzata che consentirà di sviluppare il software più rapidamente e con maggiore efficienza insieme ai partner. "La nostra base software è essenziale per la digitalizzazione dei veicoli moderni ad alto contenuto software" ha spiegato Stefan Hartung. Bosch combinerà la propria piattaforma software universale con l'esperienza nello sviluppo di funzioni software innovative. "In questo modo creeremo una proposta esclusiva e un importante vantaggio competitivo per Bosch" ha dichiarato Markus Heyn, membro del Board di Bosch. In futuro, ETAS offrirà la propria piattaforma e l'ambiente di sviluppo associato sia alle case costruttrici sia ai fornitori del settore automotive.

Cresce l'importanza del software per le case automobilistiche
Fino ad oggi, la regola era che i veicoli venissero forniti come prodotto finito. Tuttavia, in futuro, il software delle auto verrà costantemente migliorato e ampliato durante tutta la vita utile. Offrirà agli automobilisti un'esperienza di guida digitale personalizzata e costituirà la base per nuovi modelli di business per i produttori. Questo sviluppo è solo agli inizi. Gli esperti prevedono che il mercato del software per l'automotive varrà miliardi nei prossimi anni. Da qui al 2030, Bosch prevede crescite annuali a due cifre. Il riallineamento organizzativo è prova di questa trasformazione. "Nello sviluppo futuro di sistemi operativi per i veicoli, vogliamo conquistare una posizione migliore nel mercato globale" ha affermato Heyn. "Con questo passaggio forniremo ai nostri clienti e a quelli nuovi una piattaforma orizzontale integrata e cross-domain, che permetterà loro di realizzare gli obiettivi dei veicoli basati sul software" ha aggiunto Christoph Hartung, Presidente del Board di ETAS GmbH. La partnership tra Bosch e Microsoft, iniziata lo scorso febbraio, proseguirà anche nella nuova organizzazione. Lo scopo è di creare una piattaforma software completa per la connettività ininterrotta tra auto e cloud, rendendo più veloce e più facile lo sviluppo di software per veicoli per tutta la vita utile dell'auto, oltre che per il download dal cloud alle centraline elettroniche e ai computer di bordo.

Portfolio universale e aperto per il software e il middleware di base
Che sia per regolare il sedile, per ricaricare il veicolo, per attivare l'airbag o per ascoltare la radio, il software costituisce già parte integrante di quasi ogni funzione dei veicoli moderni. Comprende vari livelli che vanno a stratificarsi. Un livello è rappresentato dai moduli software che le case costruttrici utilizzano per creare esperienze di guida peculiari: dai sistemi di propulsione, all'infotainment, ai sistemi di assistenza. È in questo che i singoli brand si differenziano, a volte in modo sostanziale. Altri strati, di contro, come il software di base per le centraline elettroniche e quello che viene definito middleware, non offrono ai produttori quasi nessuno spazio per la diversificazione. Questi componenti software regolano le attività di base eseguite dalle centraline elettroniche e dai computer di bordo, attività che non sono evidenti all'automobilista. Per esempio, gestiscono le prestazioni del processore e lo spazio della memoria e determinano in che modo le centraline elettroniche comunicano tra loro o con il cloud per scambiarsi dati. Una volta sviluppato, questo software può essere utilizzato su quasi tutte le ECU, indipendentemente da dove saranno installate nel veicolo e a prescindere dal modello di auto. Questo tipo di configurazione è simile a quella degli smartphone, in cui un'ampia varietà di app utilizza un sistema operativo centralizzato. "La nostra nuova organizzazione ci consentirà di soddisfare meglio le nuove esigenze, sia dei clienti sia del mercato. Insieme ai nostri partner, consentiamo ai clienti nuovi ed esistenti di adottare un approccio del tutto nuovo allo sviluppo del software per l'automotive" ha dichiarato Christoph Hartung. In futuro, anche il software open source e gli ecosistemi associati giocheranno un ruolo sempre più importante. Le case costruttrici e i fornitori del settore automotive saranno quindi in grado di porre il software al centro dello sviluppo con efficacia ancora maggiore.

ETAS è stata fondata nel 1994 come consociata al 100% di Robert Bosch GmbH, con circa 1.500 collaboratori in 12 Paesi. Altri 800 collaboratori Bosch entreranno a farne parte a metà del 2022. Già oggi le due aziende lavorano insieme con successo, una collaborazione che sarà ulteriormente intensificata con il consolidamento dell'unità.

Ti potrebbe interessare anche

settembre 14, 2022
settembre 13, 2022
settembre 12, 2022

Comunicato Stampa disponibile solo in lingua originale. Bosch is accompanying the aftermarket and workshops safely and successfull...

Due veicoli dimostrativi stanno fornendo dati per l'ulteriore sviluppo di questo sistema di propulsione alternativoPer i test Bosc...

ESSDERC - ESSCIRC: dal 19 al 22 settembre il forum europeo dedicato ai dispositivi e ai circuiti a stato solido presso l’Universit...