logo automotive
automotive
febbraio 15, 2018

Luca Colombo in “salita libera” ai DEEJAY Xmasters

Sabato 17 febbraio il pilota milanese risalirà con una #moto elettricala pista del Red Bull Discesa Libera in programma a Piladurante l’ultima tappa del DEEJAY Xmasters Winter Tour


Dopo il #record di percorrenza sul #lagodicomo Luca Colombo torna in sella controcorrente a bordo della nuova due ruote americana ZERO Motorcycle FX, una dual sport completamente elettrica preparata dal bellanese Carlo Gelmi di Vercar #moto.


Niente pattini nautici questa volta ma gomme chiodate per mordere la neve in un tracciato tutto in salita durante il quale il pilota milanese percorrerà il manto nevoso fino all’arco che indica la partenza della pista del Red Bull Discesa Libera 2018, battezzata dagli organizzatori “una gara inferno” che unisce abilità, tecnica, velocità e voglia di arrivare primi.


La partenza avverrà dal traguardo del Red Bull discesa libera con percorso in salita fino alla partenza della gara (lungo la pista  Pre Noir).Il DEEJAY Xmasters Winter Tour, giunto alla sua penultima tappa del 2018, sarà a Pila il 17 e 18 febbraio. Musica, animazione, gadgete tanto divertimento faranno da cornice ad una due giorni ricca di contenuti action ed adrenalinici. Il gran finale del DEEJAY Xmasters Winter Tour sarà ad Alleghe (Belluno), il weekend del 24 e 25 febbraio.


Il #record di percorrenza su acqua dolce di Luca Colombo

Il recordman milanese il 30 luglio 2017 ha stabilito il record di percorrenza su acqua dolce compiendo la traversata del #lagodicomo nel tratto di 5,5 km che separa Gravedona da Colico alla velocità di oltre 43 nodi (80 km/h circa) a bordo di una Suzuki RMZ 450. La #moto di Luca è stata allestita con pattini nautici e una gomma dotata di pale speciali per fornire la spinta idrodinamica necessaria a far planare sull’acqua gli oltre 230 kg di stazza a pieno carico a una velocità minima di 22 nodi (40 km/h). Questo significa che Luca, per non affondare, ha sempre dovuto tenere il gas spalancato gestendo la #moto e tenendo i nervi saldi nonostante il #moto ondoso, i detriti e gli imprevisti. Un’impresa che ha riscosso grande interesse in tutto il mondo.

Il backstage dell’impresa di Luca Colombo 

L’acqua dolce offre una spinta di galleggiamento minore rispetto al mare ed è più difficile rimanere a galla: per questo sono state studiate meccaniche e un set up del tutto inediti. Ci aveva provato l’inglese Guy Martin facendo planare la #moto per 80 metri sull’acqua, ci è riuscito sull’oceano di Haiti l’australiano Robbie Maddison ma una traversata di 5,5 km su un bacino di acqua dolce senza mai mollare il gas non si era ancora vista: per questo Luca, appassionato motociclista e già organizzatore del Lario Motor Show, ha messo a punto insieme all’amico preparatore motoristico e vice campione italiano di Enduro Carlo Gelmi e a Giorgio Lumini, vero guru delle corse a due ruote che ha contribuito per la parte fluidodinamica, una Suzuki RMZ 450 che, dotata di appositi pattini e sistemi di galleggiamento di emergenza, ha planato sulle acque di “quel ramo del Lago di Como” senza mai fermarsi.