logo automotive
automotive
giugno 12, 2017 - Pirelli

Il Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike a Misano Adriatico per il giro di boa: Pirelli è Event Main Sponsor e annuncia le soluzioni di gara

Misano Adriatico (Italia), 12 giugno 2017 – Dal 16 al 18 giugno 2017 il Misano World Circuit Marco Simoncelli ospiterà il settimo appuntamento del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike. La seconda tappa italiana, dopo quella già corsa ad Imola, rappresenta il giro di boa della stagione 2017 del Campionato per derivate di serie che quest’anno prevede un totale di tredici round.
Pirelli sarà Event Main Sponsor di questo importante appuntamento che per l’occasione prende la denominazione ufficiale di Pirelli Riviera di Rimini Round .
 
Sia per la classe WorldSBK che per quella WorldSSP Pirelli porterà a Misano Adriatico un totale di 4376 pneumatici e soluzioni già viste in azione, e particolarmente apprezzate dai piloti, in precedenti round.
In particolare, in aggiunta alle soluzioni di gamma, nella classe regina saranno disponibili tre soluzioni di sviluppo: all’anteriore la V0952, tra le più utilizzate nelle gare corse quest’anno, mentre al posteriore confermata la presenza sia della V0602 che della V1199.
Anche nella WorldSSP a soluzioni di gamma si affiancano soluzioni di sviluppo: la V1267 all’anteriore e la V1201 al posteriore.
 
Il circuito della riviera romagnola farà da cornice anche al terzo appuntamento stagionale dell’iniziativa Pirelli SBK® Track Days , giornate in pista dedicate ai motociclisti amanti del brand della P lunga e del SBK ® su alcuni dei circuiti più affascinanti che ospitano il Mondiale per derivate dalla serie. Nella tappa di Misano Adriatico, per la prima volta in assoluto, i centauri oltre al lunedì successivo al fine settimana di gare potranno girare anche nel pomeriggio di sabato 17 proprio al termine della giornata di gare per vivere ancora più da vicino le emozioni del Campionato Superbike scendendo in pista sùbito dopo i loro campioni. Per maggiori informazioni: www.pirelli.com/trackdays.
 
Il Misano World Circuit Marco Simoncelli, dedicato alla memoria del famoso pilota motociclistico italiano,è un tracciato che presenta 10 curve a destra e 6 a sinistra per una lunghezza totale di 4226 metri di cui 1850 di rettilinei con quello di arrivo lungo 510 metri.
Progettato nel 1969, nel 1972 apre i battenti all’attività sportiva. Nel 1993 la pista viene allungata a 4060 metri e, a partire dal 2006, iniziano i lavori di ammodernamento del circuito con l’allungamento della pista a 4180 metri e l'inversione del senso di marcia che diventa orario. All’inizio del 2008 viene realizzata una nuova corsia di uscita dai box lunga circa 250 metri che ha richiesto la modifica della “variante del rio”, poi il circuito ha raggiunto il chilometraggio attuale.
Nel marzo del 2015 il circuito è stato completamente riasfaltato con la posa di 53.000 mq di asfalto, oltre ad interventi quali quelli che hanno interessato le vie di fuga, ridisegnate in base ai calcoli di sicurezza DroCAS™ per aumentare la capacità decelerante in avaria mantenendo inalterati gli spazi di manovra in caso di errore, i nuovi cordoli con drenaggi incorporati e riprofilatura di quelli esistenti, la rivisitazione del sistema di drenaggi superficiali e sezioni e profili rivisti per aumentare la planarità superficiale. In aggiunta sono stati realizzati due nuovi raccordi, Brutapela e Acquedotto, che introducono curve con disegni originali appositamente studiate per le scuole di guida sicura.
 
L’asfalto, che è stato sviluppato con una formulazione specifica per contrastare gli effetti della salsedine e dell'umidità, è decisamente più aggressivo ed abrasivo sugli pneumatici rispetto al passato, influenzato anche dalle alte temperature tipiche di quest’area che possono compromettere la precisione delle traiettorie e la pulizia nella guida. Il tracciato è molto curvilineo e la sezione più impegnativa è sicuramente quella successiva al “curvone” veloce; ovvero una serie di curve destrorse che impongono alle gomme un elevato stress meccanico e termico sulla spalla impegnata. Al contrario i rettilinei sono piuttosto corti e non permettono di raggiungere velocità di punta elevate pur creando diversi punti di staccata e di accelerazione.
 
 
Le soluzioni per le classi WorldSBK e WorldSSP

Per questo round Pirelli ha deciso di affidarsi a soluzioni che i piloti conoscono bene e che hanno già utilizzato con successo in altri round corsi quest’anno, soprattutto ad Imola e a Donington Park.
 
Per la classe WorldSBK Pirelli porta sei soluzioni slick, tre per l’anteriore e altrettante per il posteriore.
All’anteriore i piloti avranno a disposizione le soluzioni SC1 (morbida) e SC2 (media) di gamma a cui si affiancherà una terza opzione, la soluzione di sviluppo SC1 V0952, che utilizza la stessa mescola della SC1 di gamma ma presenta differenti soluzioni strutturali e che è stata la soluzione anteriore più utilizzata in Gara 2 ad Imola e a Donington Park.
Per quanto riguarda il posteriore, oltre alla morbida SC0 di gamma sarà presente come alternativa la soluzione di sviluppo V0602, molto utilizzata dai piloti sia ad Imola che a Donington Park in Gara 1. Come terza opzione, soprattutto  per le prime sessioni o in caso di basse temperature, sarà disponibile la V1199, SC1 di sviluppo con particolari accorgimenti strutturali.
 
Per quanto concerne alla categoria WorldSSP le soluzioni da asciutto saranno cinque, tre all’anteriore e due al posteriore.
All’anteriore, oltre alle SC1 e SC2 di gamma confermata la SC1 di sviluppo V1267, che utilizza la stessa mescola della SC1 di gamma ma con un diverso processo costruttivo.
Al posteriore i piloti potranno scegliere tra la SC0 di gamma e la SC1 di sviluppo V1201, soluzione media di sviluppo che ha debuttato a Motorland Aragón ed è stata portata anche ad Assen ed Imola. Quest’ultima soluzione utilizza la medesima mescola della SC1 di gamma rispetto alla quale dovrebbe garantire una migliore resistenza meccanica alle basse temperature.

 
Le statistiche 2016 Pirelli per Misano Circuit
 
• Numero totale di pneumatici portati da Pirelli: 4802
 
• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe WorldSBK: 6 anteriori e 7 posteriori

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota WorldSBK: 40 anteriori e 39 posteriori
 
• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe WorldSSP: 5 anteriori e 4 posteriori
 
• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota WorldSSP: 26 anteriori e 21 posteriori
 
• Best Lap Awards Superbike vinti da: Tom Sykes (Kawasaki Racing Team)in 1'35.507 (Gara 1, 6° giro) e da Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) in 1'35.165 (Gara 2, 2° giro)
 
• Best Lap Awards Supersport vinto da: Federico Caricasulo (Bardahl Evan Bros. Honda Racing), in 1'38.968 al 16° giro
 
• Temperatura in Gara 1: aria 24° C, asfalto 43° C
 
• Temperatura in Gara 2: aria 22° C, asfalto 38° C
 
• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike in gara: 272 km/h, realizzata dai piloti Alex De Angelis (Iodaracing Team), Jordi Torres (AltheaBMW Racing Team) e Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) rispettivamente al 1°,10° e 1° giro
 
• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Supercorsa in gara: 242,2 km/h, realizzata da Zulfahmi Khairuddin (Orelac Racing Verdnatura) all’8° giro.

Filtro avanzato