logo automotive
automotive
settembre 01, 2016 - Nissan

Nissan LEAF insieme a Uber Londra per una migliore qualità dell'aria

  • 20 #nissan #leaf 100% elettriche per Uber, il servizio di noleggio di #auto private
  • Realizzato in collaborazione con l’Energy Savings Trust, lo studio esaminerà la fattibilità della gestione del noleggio di vetture elettriche private nel Regno Unito
  • Per la prima volta i veicoli 100% elettrici sono disponibili nel Regno Unito attraverso l’app Uber

Nissan ha stretto un accordo con il servizio di noleggio di #auto private Uber, che ha intrapreso un nuovo progetto che utilizza veicoli elettrici per ridurre l’inquinamento dell’aria a Londra e in tutto il Regno Unito.

Una flotta di 20 #nissan #leaf 100% elettriche è stata consegnata da #nissan a Uber come parte di un programma di prove di veicoli elettrici di vaste dimensioni. E’ la prima volta che i veicoli completamente elettrici sono disponibili in noleggio a Londra attraverso l’app Uber. 

Gareth Dunsmore, Direttore Veicoli Elettrici #nissan Europa, ha dichiarato: “Siamo lieti di lavorare insieme a Uber per un progetto così importante a favore del miglioramento della qualità dell’aria a Londra e in tutto il Regno Unito.  

“Siamo fiduciosi sul risultato positivo di questa iniziativa e anche che Uber entrerà presto a far parte del gran numero di taxi e di operatori nel settore del noleggio di #auto private nel Regno Unito e in tutta Europa che sperimentano i benefici economici e ambientali dei veicoli elettrici #nissan.

“L’impatto della scarsa qualità dell’aria rimane un motivo di forte preoccupazione e l’iniziativa potrebbe rivelarsi un momento di primaria importanza nell’affrontare questa sfida a Londra”. 

Condotto in collaborazione con l’Energy Savings Trust (EST), lo studio esaminerà la fattibilità della gestione del noleggio di un gran numero di vetture elettriche private nel Regno Unito.

L’EST studierà non solo l’esperienza, le abitudini di guida e i risparmi economici dei clienti del noleggio privato che utilizzano #auto elettriche ma anche la capacità dell’attuale rete londinese di mettere a disposizione adeguati punti di ricarica a supporto dei veicoli a zero emissioni.

Il 60% dei viaggi di Uber a Londra è realizzato con veicoli ibridi, ma l’azienda vuole esaminare i benefici economici e ambientali derivanti dal passaggio all’elettrico puro, prima dell’introduzione nella Capitale della Ultra Low Emissions Zone nel 2020.

Nissan è pioniere nella mobilità elettrica con l’introduzione sin dal 2010 di #nissan #leaf. Dopo 6 anni #leaf si conferma come il veicolo elettrico più venduto al mondo, con oltre 230.000 unità commercializzate a livello globale. Con l’obiettivo di diffondere le soluzioni di Mobilità Intelligente, #nissan ha recentemente introdotto una nuova versione di batteria da 30 kWh, che consente un’autonomia maggiore del 26% rispetto al modello precedente e un’autonomia fino a 250 Km con una singola ricarica*. 

Con costi di gestione di due centesimi di sterlina per miglio*, #nissan #leaf ed e-NV200 Combi sono sempre più scelti dai proprietari di taxi e veicoli privati da noleggio. Infatti ad oggi sono oltre 100 le unità che operano in piccole e grandi città, che hanno effettuato decine di migliaia di viaggi percorrendo quasi 5 milioni di chilometri.  

Jo Bertram, Direttore Generale Regionale di Uber nel Regno Unito, ha commentato: “Le persone associano Uber ai veicoli ibridi ma ora vogliamo fare un passo in avanti mettendo su strada #auto totalmente elettriche in totale assenza di emissioni acustiche e atmosferiche.

“Vogliamo utilizzare la tecnologia per affrontare il tema dell’inquinamento dell’aria a Londra e in tutto il Regno Unito. Il nostro servizio di car-sharing ha già fatto risparmiare 1,9 milioni di chilometri e 211 tonnellate di CO2. Con i veicoli elettrici, e con sempre più persone che condividono i viaggi lasciando la vettura di proprietà a casa, possiamo fare molto di più”.

Per ulteriori informazioni sulla gamma di veicoli elettrici #nissan, visitate www.nissan.eu/experience-nissan.html

###

* Autonomia di 250km ottenuta con una serie di prove uniformi e ripetibili previste dal regolamento europeo E11-101R-011935 e dal ciclo di omologazione NEDC – New European Driving Cycle – di cui alla direttiva 91/441/CE.

Fattori che incidono sull’autonomia: l’autonomia effettiva dipende da diversi fattori quali, ad esempio, la velocità di guida e il tipo di strada (percorso urbano, extra-urbano, autostrada); la tipologia di percorso (salita, discesa, pianura); la temperatura esterna e l’uso del climatizzatore; lo stile di guida (ecologico, costante, sportivo).

News correlate

dicembre 11, 2017
dicembre 11, 2017
dicembre 11, 2017

Filtro avanzato