logo automotive
automotive
maggio 29, 2016 - Pirelli

WorldSBK: Tom Sykes vince anche Gara 2 e la nuova posteriore Pirelli in mescola SC0 di sviluppo si conferma la soluzione più utilizzata; nella WorldSSP terzo successo per Kenan Sofuoglu

Il britannico raddoppia davanti al compagno di squadra Jonathan Rea e regala la doppietta a Kawasaki che vince anche in Supersport con Sofuoglu; vittoria di De Rosa nella Superstock 1000 FIM Cup

 

 

Castle Donington (Inghilterra), 29 maggio 2016 – E’ Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) il protagonista indiscusso del fine settimana del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike a Donington Park.

Dopo aver vinto sabato Gara 1, l’inglese vince anche Gara 2 ottenendo punti importanti in Campionato e soprattutto eguagliando il record di Carl Fogarty come pilota che ha vinto nella storia più gare consecutive (otto) sul medesimo circuito: il pilota Kawasaki ha vinto infatti ininterrottamente sul circuito di Donington Park dal 2013 ad oggi, così come “The King” aveva vinto dal 1993 al 1996 tutte le gare disputate ad Assen.

Un ottimo fine settimana anche per la nuova soluzione posteriore morbida sviluppata da Pirelli, la V0377, che anche in Gara 2 si è confermata come la soluzione più utilizzata e che sicuramente i piloti ritroverranno nel successivo round di Misano per testarne ulteriormente le caratteristiche.

 

Rispetto a Gara 1, in Gara 2 Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) scatta sùbito bene dalla pole position e resta in testa alla gara dall’inizio alla fine. Alla partenza cercano di tenere il suo ritmo Jonathan Rea, Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) e Davide Giugliano (Aruba.it Racing – Ducati) ma ben presto si capisce che l’unico che potrebbe veramente infastidirlo è il suo compagno di squadra. Nel frattempo Giugliano, già dal terzo giro, scivola dalla quarta alla sesta posizione facendo capire che per lui sarà difficile ripetere il secondo posto ottenuto ieri in Gara 1.

Dopo pochi giri le due Kawasaki formano un duo di testa separato da soli due decimi creando il vuoto alle loro spalle.

A partire dal diciannovesimo giro Rea tenta di portare l’attacco a Sykes per agguantare il gradino alto del podio, sembra riuscire nel tentativo ma poco dopo va lungo e l’inglese lo risupera.

Tom Sykes è troppo forte anche per il l’attuale leader di Campionato e va a vincere anche Gara 2, davanti al suo compagno di squadra e al ducatista Chaz Davies. Con questa vittoria Sykes si piazza al secondo posto in Campionato con 56 punti di ritardo da Jonathan Rea e sei punti di vantaggio su Chaz Davies. Kawasaki guida indisturbata la Classifica Costruttori con 321 punti, 53 in più rispetto a Ducati.

 

 

Classifica Gara 2:

 

1) Tom Sykes (Kawasaki Racing Team)

2) Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team)

3) Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati)

4) Lorenzo Savadori (IodaRacing Team)

5) Leon Camier (MV Agusta Reparto Corse)

6) Nicky Hayden (Honda World Superbike Team)

7) Davide Giugliano (Aruba.it Racing – Ducati)

8) Michael van der Mark (Honda World Superbike Team)

9) Joshua Brookes (Milwaukee BMW)

10) Cameron Beaubier (Pata Yamaha Official WorldSBK Team)

 

 

Nel Campionato Mondiale FIM Supersport parte bene dalla pole position il turco Kenan Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing), alle sue spalle lo inseguono Patrick Jacobsen (Honda World Supersport Team), che scattava dalla seconda casella in griglia, e Randy Krummenacher (Kawasaki Puccetti Racing), che si è portato dalla quinta alla terza posizione. Già al quinto giro Sofuoglu ha un vantaggio di oltre un secondo sul pilota statunitense di Honda. Nel corso del settimo giro il vantaggio del pilota del team Kawasaki Puccetti Racing sale a oltre du secondi mentre Randy Krummenacher riduce a tre decimi il distacco da Patrick Jacobsen. Alle loro spalle, in quarta posizione, Gino Rea (GRT Racing Team).

Le prime posizioni resteranno tali per tutta la gara: negli ultimi giri Kenan Sofuoglu gestisce bene il vantaggio accumulato nella prima parte della corsa e taglia per primo il traguardo. Alle sue spalle, distaccati di oltre un secondo e mezzo, si posizionano Patrick Jacobsen e il compagno di squadra del pilota turco, lo svizzero Randy Krummenacher. Con tre vittorie su sei gare di Campionato finora disputate, Kenan Sofuoglu (Kawasaki Racing Team) guida la Classifica Piloti con 121 punti precendo il compagno di squadra Randy Krummenacher a quota 95 e Patrick Jacobsen che di punti ne ha accomultati 76. Con due piloti in testa al Campionato, Kawasaki guida la Classifica Costruttori con 156 punti, 25 di vantaggio su Honda, diretta inseguitrice.

 

 

Classifica Supersport:

 

1) Kenan Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing)

2) Patrick Jacobsen (Honda World Supersport Team)

3) Randy Krummenacher (Kawasaki Puccetti Racing)

4) Gino Rea (GRT Racing Team)

5) Luke Stapleford (Profile Racing)

6) Kyle Smith (CIA Landlord Insurance Honda)

7) Alex Baldolini (Race Department ATK#25)

8) Jules Cluzel (MV Agusta Reparto Corse)

9) Ayrton Badovini (Gemar Balloons - Team Lorini)

10) Lorenzo Zanetti (MV Agusta Reparto Corse)

 

 

Tra la gara della WorldSSP e Gara 2 della WorldSBK, si è svolta la corsa della Superstock 1000 FIM Cup. A vincerla è stato Raffaele de Rosa (Althea BMW Racing Team) che partiva in pole position. Alle sue spalle si sono posizionati Leandro Mercado (Aruba.it Racing - Junior Team) e Niccolò Canepa (PATA Yamaha Official Stock Team). Punti importanti quelli che ottiene l’italiano su BMW perchè gli permettono di distaccare l’argentino nella classifica di Campionato dove ora De Rosa guida con 82 punti, seguito da Mercado a quota 77 e dall’altro pilota dell Aruba.it Racing - Junior Team, Michael Ruben Rinaldi, a 47. In questo caso a guidare la Classifica Costruttori è però Ducati con 86 punti, solo quattro in più rispetto a BMW.

 

Infine nella WIL Sport European Junior Cup, gara di apertura della giornata di domenica con ventinove partecipanti al via e undici giri da percorrere, successo per lo spagnolo Mika Perez (Granshagen Racing Team) davanti al francese Dorian Laville (Team Laville Mi&Do) e all’italiano Paolo Grassia (Chiodo Moto Racing). Con questa vittoria Perez si porta in testa al campionato con 61 punti, 11 di vantaggio su Laville e 15 su Soomer.

 

 

Le soluzioni Pirelli scelte dai piloti per Gara 2 e Supersport:

 

Nella gara WorldSBK di oggi i piloti hanno sostanzialmente confermato le scelte effettuate ieri, eccezzion fatta per Chaz Davies che all’anteriore è passato dalla S1699 alla SC3 di gamma e Nicky Hayden che invece dalla SC3 è passato alla SC2 di gamma. La SC1 di sviluppo S1699 si è confermata comunque come l’opzione più apprezzata insieme alla SC3 di gamma.

Per quanto riguarda il posteriore Brookes e Scassa sono passati sulla nuova SC0 di sviluppo V0377. Proprio quest’ultima soluzione è stata la protagonista indiscussa del weekend di Donington essendo stata scelta in entrambe le gare da oltre il 90% dei piloti schierati in griglia.

 

Nella WorldSSP a disposizione dei piloti c’erano solo ed esclusivamente pneumatici della gamma DIABLO™ Supercorsa. Al posteriore, con temperature dell’asfalto di 27 gradi, la maggior parte dei piloti ha scelto la SC0, ovvero la soluzione morbida della gamma. Tra le prime quattro file gli unici ad avere utilizzato la SC1, di durezza media, sono stati Luke Stapleford e Gino Rea. Per quanto riguarda l’anteriore, la quasi totalità dei piloti ha optato per la SC1 di gamma, la soluzione morbida. A scegliere l’opzione dura, la SC2, sono stati Stapleford, Cluzel e Bergman.

 

 

Le statistiche Pirelli per Gara 2:

 

• Vincitore del PIRELLI BEST LAP AWARD: Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team),in 1'27.605 al 2° giro

 

• Soluzione anteriore più utilizzata: SC1 di sviluppo S1699 (9 su 23 piloti)

 

• Soluzione posteriore più utilizzata: SC0 di sviluppo V0377 (21 su 23 piloti)

 

• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike in gara: 274,1 km/h, realizzata da Jordi Torres (Althea BMW Racing Team) al 5° giro

 

• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe Superbike: 6 anteriori e 6 posteriori

 

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota Superbike: 70, 37 anteriori + 33 posteriori

 

• Temperatura aria: 15° C

 

• Temperatura asfalto: 27° C

 

 

Le statistiche Pirelli per la Supersport:

 

• Vincitore del PIRELLI BEST LAP AWARD: Kyle Smith (CIA Landlord Insurance Honda),in 1'30.887 al 11° giro

 

• Soluzione anteriore più utilizzata: SC1 di gamma (31 su 34 piloti)

 

• Soluzione posteriore più utilizzata: SC0 di gamma (24 su 34 piloti)

 

• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Supercorsa in gara: 247,1 km/h, realizzata da Axel Bassani (San Carlo Team Italia) al 3° giro

 

• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe Supersport: 4 anteriori e 4 posteriori

 

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota Supersport: 42, 21 anteriori + 21 posteriori

 

• Temperatura aria: 13° C

 

• Temperatura asfalto: 27° C